La prima persona plurale: interpretazioni semantiche e pragmatiche