Poliglossia senza multilinguismo: l'incomprensibile diventa comunicativo nella pubblicità