Manzoni, Guttuso e il "Braccio della morte"