Tra discorso e inno: la metrica dell'ultimo Rebora