Il contributo analizza lo spettacolo messo in scena da Egisto Marcucci nel 1979 a partire dalla collaborazione con la scuola di arte drammatica del Teatro Stabile di Genova. Una delle ragioni grazie a cui il regista intraprende l’allestimento della fiaba gozziana è lo stimolo fornitogli quotidianamente dall’attività di laboratorio svolta con gli allievi dello Stabile: è proprio in un contesto didattico siffatto che egli crea i presupposti per questa delicata messa in scena. La fiaba di Gozzi, infatti, si rivela efficace strumento didattico, esercizio di laboratorio per verificare e sperimentare tecniche istrioniche apprese durante le lezioni. In questo allestimento de La donna serpente, intelligente, ricco di trovate, in cui il fiabesco ci viene proposto con tutte le caratteristiche del meraviglioso, è possibile verificare quanto importante sia il rapporto tra drammaturgia e arti visive, grazie anche al contributo di Emanuele Luzzati che ne fece, firmando scene e costumi, una vera “gioia per gli occhi” degli spettatori.

La donna serpente per la regia di Egisto Marcucci, 2006.

La donna serpente per la regia di Egisto Marcucci

Garavaglia, Valentina
2006

Abstract

Il contributo analizza lo spettacolo messo in scena da Egisto Marcucci nel 1979 a partire dalla collaborazione con la scuola di arte drammatica del Teatro Stabile di Genova. Una delle ragioni grazie a cui il regista intraprende l’allestimento della fiaba gozziana è lo stimolo fornitogli quotidianamente dall’attività di laboratorio svolta con gli allievi dello Stabile: è proprio in un contesto didattico siffatto che egli crea i presupposti per questa delicata messa in scena. La fiaba di Gozzi, infatti, si rivela efficace strumento didattico, esercizio di laboratorio per verificare e sperimentare tecniche istrioniche apprese durante le lezioni. In questo allestimento de La donna serpente, intelligente, ricco di trovate, in cui il fiabesco ci viene proposto con tutte le caratteristiche del meraviglioso, è possibile verificare quanto importante sia il rapporto tra drammaturgia e arti visive, grazie anche al contributo di Emanuele Luzzati che ne fece, firmando scene e costumi, una vera “gioia per gli occhi” degli spettatori.
Italiano
Cambiaghi, Mariagrabriella
183
196
14
8860010594
88-600-1059-4
Italy
Milano
nazionale
A stampa
Settore L-ART/05 - Discipline Dello Spettacolo
1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10808/1325
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact